Hamburger Menu

Tokenizzazione: Tutto quello che c'è da sapere

Ultimo aggiornamento il 26/06/24

La tokenizzazione è un modo per le aziende di proteggere i dati sensibili. Fondamentalmente, consente alle aziende di trasformare i dati sensibili in dati non sensibili. I dati non sensibili sono chiamati "token", da cui il nome.

I token sono completamente estranei ai dati originali in termini di valori. Tuttavia, esistono ancora modi (come il formato) per collegare i token ai dati originali. Ciò consente all'azienda di continuare le operazioni commerciali con un rischio ridotto di fughe di dati e violazioni.

Qui diamo un'occhiata a tutto quello che c'è da sapere sulla tokenizzazione dei pagamenti. Discutiamo i vantaggi e gli svantaggi, la differenza tra tokenizzazione e crittografia, i tipi di token e molto altro ancora.

Che cos'è un token?

Un token è un pezzo di dati. La natura di questo dato può variare molto in termini di lunghezza e formato. Tuttavia, sostituisce sempre altri dati. Utilizzando un piccolo numero di informazioni conservate dai dati originali, un token può effettivamente sostituirli.

È importante ricordare che un token non ha alcun valore proprio. Senza i dati originali, un token è sostanzialmente inutile. Tuttavia, i token sono utilizzati al posto di alcuni dei dati più sensibili al mondo, come carte di credito e numeri di identificazione.

Un ottimo modo per pensare ai token è quello di immaginare la tessera di un hotel. Quando una persona si registra in un hotel, di solito riceve una chiave magnetica alla reception una volta che la sua identità è stata autenticata e la prenotazione confermata.

Questa chiave magnetica può essere utilizzata per accedere a diverse aree dell'hotel, ad esempio se si desidera un accesso speciale all'area VIP o se si vuole limitare l'accesso dei bambini all'area della piscina, pur consentendo loro di accedere alle proprie camere. È molto più comodo che dover portare sempre con sé documenti di identità o chiavi multiple.

Quali sono i vantaggi della tokenizzazione?

Lasciamo le analogie e passiamo al mondo reale. Ecco alcuni dei principali vantaggi della tokenizzazione:

  • È più difficile per gli hacker accedere ai dati sensibili. Questo perché i dati saranno privi di significato anche in caso di violazione.
  • La tokenizzazione di solito non richiede l'aggiornamento dei sistemi per adeguarli ai nuovi standard. La crittografia, invece, potrebbe richiedere l'aggiornamento dei sistemi preesistenti.
  • La tokenizzazione non richiede molte risorse ed è un'alternativa più economica rispetto ad altri sistemi di sicurezza dei dati come la crittografia.
  • Facilita la conformità con le autorità di regolamentazione, aggiungendo un ulteriore livello di sicurezza. Approfondiremo in seguito i dettagli.
  • Può offrire nuove opportunità di efficienza nei settori finanziari. La tokenizzazione consente servizi come il pagamento con un solo clic presso gli esercenti. Questo perché consente alle aziende di soddisfare gli standard PCI DSS, che sono un requisito per i pagamenti con un solo clic.
  • Consente forme alternative di regolamento dei contratti, ad esempio attraverso l'uso della blockchain, che possono presentare vantaggi rispetto ai sistemi tradizionali. Un esempio potrebbe essere il regolamento di un contratto tramite Monero per garantire privacy e anonimato.

Quali sono gli svantaggi della tokenizzazione?

Nessun sistema è perfetto. Questo vale anche per la tokenizzazione. Ecco i principali svantaggi della tokenizzazione:

  • Non esistono normative chiare che trattino la tokenizzazione. Questo crea un'incertezza che potrebbe essere costosa per le aziende in futuro. Ad esempio, un'azienda potrebbe essere costretta a cambiare il proprio sistema di tokenizzazione se le normative industriali le impongono di aderire a nuovi standard.
  • In alcuni casi, i sistemi tokenizzati possono presentare vulnerabilità che ne facilitano l'uso e la violazione. Ad esempio, le vulnerabilità tecniche possono consentire agli hacker di accedere a dati sensibili attraverso l'uso di un token.
  • La tokenizzazione può essere complessa e può rendere la struttura IT di un'azienda un po' più difficile da capire. Qualsiasi nuovo tecnico IT dovrà comprendere l'intero sistema tokenizzato prima di poterlo mantenere o implementare qualsiasi modifica.
  • La tokenizzazione richiede la memorizzazione di dati sensibili all'esterno. L'azienda che sceglie il fornitore potrebbe essere soggetta a violazioni dei dati.
  • Non tutti i processori di pagamento supportano la tokenizzazione. Ciò lascia alle aziende e agli esercenti meno opzioni nella scelta dei processori di pagamento rispetto a un approccio tradizionale.

Detokenizzazione

Finora abbiamo parlato della tokenizzazione e dei suoi pro e contro. Una volta che i dati sono stati tokenizzati, l'emittente può accedere ai dati attraverso un processo noto come detokenizzazione.

Ecco come funziona la detokenizzazione:

Il sistema di tokenizzazione originale è l'unico che può accedere ai dati sensibili. I dati sensibili sono conservati in modo sicuro presso il fornitore di sicurezza.

Spesso un token viene utilizzato una sola volta. Un esempio è l'autenticazione a due fattori. Questi token vengono poi eliminati in quanto non hanno più alcun utilizzo. È importante ricordare che i token non hanno alcun valore in sé. Sono semplicemente una rappresentazione dei dati originali.

Ogni azienda ha un sistema di tokenizzazione unico. Di conseguenza, il processo di detokenizzazione (accesso ai dati tokenizzati) è unico per ogni azienda. È proprio per questo che la tokenizzazione è così sicura.

Tokenizzazione vs crittografia

Per chi non è molto esperto di tecnologia, la tokenizzazione può sembrare un concetto molto simile alla crittografia. Tuttavia, i due processi sono fondamentalmente diversi.

La crittografia è un metodo per modificare i valori dei dati in base a un preciso cifrario e a una chiave di crittografia. Gli utenti possono quindi decifrare i dati a patto di avere la chiave. Una volta decifrati, i dati tornano al loro stato originale.

Problemi di crittografia

Poiché i dati sono stati rimescolati in base al cifrario, la chiave di crittografia invertirà lo stesso processo. Questo può essere un problema perché chiunque può accedere ai dati, purché riesca ad accedere alla chiave di crittografia. Questo può accadere se il titolare della chiave è compromesso. Un hacker può anche essere in grado di accedere alla chiave se questa è scritta in un documento.

Un altro problema della crittografia è che molti sistemi di crittografia possono essere forzati. Ciò accade quando un computer dispone di tempo e potenza sufficienti. Proverà tutte le possibili combinazioni di chiavi e alla fine avrà accesso ai dati. Questo non è praticamente possibile per molti sistemi di crittografia avanzati. Molti sistemi di basso livello possono facilmente cadere vittima di attacchi brute-force.

Come si differenzia la tokenizzazione

Un token non può essere decifrato o invertito. Infatti, non esiste una chiave o un indicatore che una persona possa utilizzare per vedere i dati sensibili che si celano dietro il token.

I token possono essere riportati alla loro forma originale solo attraverso l'accesso a dati aggiuntivi. Questi dati sono in genere archiviati all'esterno per motivi di sicurezza. Per questo motivo, la tokenizzazione tende a essere un'opzione più conveniente.

Ciò significa che anche se la sicurezza di un centro dati viene violata, i dati ottenuti in un sistema tokenizzato non avranno alcun valore per l'hacker. Questo ulteriore livello di sicurezza è proprio il motivo per cui la tokenizzazione è diventata più importante negli ultimi anni.

Non esiste un chiaro vincitore tra tokenizzazione e crittografia. La scelta di utilizzare la tokenizzazione o la crittografia dipende dall'azienda e dalla natura della sua attività. Molte aziende le utilizzano entrambe. Questo vale soprattutto per le aziende con molti dati altamente sensibili.

Tipi di token

I token possono essere classificati in molti modi diversi. Molte società di ricerca classificano i token in modo diverso. Di conseguenza, non esiste un vero e proprio modo di classificare i token. Uno dei motivi è che la maggior parte del settore non è regolamentato.

Ecco un modo per classificare i token:

1. Token di pagamento

I token di pagamento vengono utilizzati per acquistare e vendere oggetti in modo digitale. Il vantaggio principale dell'uso dei token di pagamento è che non c'è bisogno di un intermediario. Questi token vengono utilizzati per acquistare beni e servizi su una rete esterna.

Il settore dei token di pagamento è piuttosto oscuro. Non sono classificati come titoli. In effetti, nella maggior parte dei Paesi non esiste una normativa che classifichi questi token in alcun modo. Inoltre, non garantiscono l'accesso a nulla una volta scambiati. Tra i grandi esempi di token di pagamento vi sono la maggior parte delle criptovalute, come Bitcoin ed Ethereum.

I gettoni di pagamento sono talvolta noti anche come gettoni di valuta.

2. Utility token

Gli utility token sono diversi dai token di pagamento. Rappresentano qualcosa sulla blockchain ma non sono utilizzati come valuta. In questo caso, il token fornisce al suo possessore un prodotto o un servizio. È l'emittente del token a deciderlo.

Ad esempio, un token può consentire al titolare di ricevere crediti di programmazione presso l'emittente. Oppure, il titolare può essere in grado di accedere a determinati servizi con uno sconto.

Una cosa da ricordare è che gli utility token possono perdere istantaneamente il loro valore. Non sono considerati un investimento e sono in gran parte non regolamentati in tutto il mondo. Ne sono un esempio Golem e Brickblock.

3. Security token

Come suggerisce il nome, questi token sono simili a titoli. Questi token sono talvolta noti anche come asset token. Alcune norme relative ai security token variano a seconda del Paese.

Nella maggior parte dei casi, i security token promettono un rendimento positivo. Molti ritengono che si comportino in modo simile alle obbligazioni e ad altri strumenti basati sul credito. In molti casi, i security token sono utilizzati per tokenizzare strumenti finanziari come le obbligazioni. Anche le valute e i security token immobiliari sono comuni.

Quelli basati su beni reali sono solitamente noti come asset-backed token, mentre altri sono noti come equity token.

4. Token DeFi

I token DeFi sono utilizzati, come suggerisce il nome, per la finanza decentralizzata. Vengono utilizzati per alimentare applicazioni e servizi che possono essere utilizzati per effettuare transazioni sulle applicazioni. Per la maggior parte, i token DeFi sono costruiti sulla blockchain di Ethereum. Questi token possono essere utilizzati per effettuare operazioni bancarie e investimenti. Questo può essere fatto sia per gli asset tradizionali che sono stati tokenizzati sia per gli asset legati alla blockchain.

5. Token non fungibili

I token non fungibili sono certificati che rappresentano la proprietà digitale di qualcosa. Può trattarsi di qualcosa di semplice come lo screenshot di un meme o un dipinto di un artista. Le NFT sono diventate estremamente popolari per un breve periodo di tempo, facendo schizzare il loro valore alle stelle prima di crollare. Sebbene siano considerati una moda da molti, possono ancora avere un certo valore quando si tratta di arte.

Standard di sicurezza dei dati dell'industria delle carte di pagamento (PCI DSS)

Il PCI DSS è uno dei motivi principali per cui la tokenizzazione è importante. La conformità alle normative PCI DSS è fondamentale per qualsiasi commerciante che voglia accettare pagamenti con carta presso la propria attività.

Il motivo principale per cui esiste il PCI DSS è quello di garantire la protezione dei dati dei clienti. Forse la norma più importante è che i numeri delle carte di credito non possono essere memorizzati dall'esercente dopo la transazione. Ciò include il database dell'esercente e i terminali POS.

Come la tokenizzazione è utile per gli standard PCI DSS

Prima della diffusione della tokenizzazione, la crittografia era il metodo più diffuso per la conformità. Tuttavia, abbiamo già visto i pro e i contro di questo metodo. Il problema principale è che il costo può essere piuttosto elevato. La crittografia richiede sistemi di dati che devono essere in grado di gestire i calcoli necessari per una crittografia avanzata.

Questo è un problema ancora più grave per i piccoli commercianti con budget ridotti. Un piccolo commerciante potrebbe aver bisogno di un aggiornamento massiccio per criptare i propri dati.

La tokenizzazione è una valida alternativa. Con la tokenizzazione, solo le ultime quattro cifre della carta vengono memorizzate nei sistemi dell'esercente. I dati effettivi del titolare della carta vengono memorizzati in un luogo sicuro da una terza parte. Questa terza parte è anche responsabile dell'emissione dei token.

Il token viene creato cambiando i numeri della carta in valori casuali. Questo token può essere utilizzato per una specifica transazione con l'esercente.

Nel mondo frenetico della tecnologia e della sicurezza dei dati, la tokenizzazione si distingue come strumento vitale per la salvaguardia delle informazioni sensibili. Offre un modo economico, sicuro e adattabile alle aziende per proteggere dati come numeri di carte di credito e informazioni di identificazione, riducendo il rischio di violazioni e fughe di notizie. Dall'analogia con la tessera dell'hotel alle applicazioni pratiche in vari settori, gli attributi unici della tokenizzazione la distinguono dalla crittografia, offrendo un ulteriore livello di sicurezza.

Tuttavia, il viaggio verso l'adozione della tokenizzazione non è privo di sfide. La mancanza di normative chiare, le potenziali vulnerabilità, la complessità della struttura IT e altri inconvenienti rendono il processo decisionale sfumato e specifico per ogni contesto.

La tokenizzazione è destinata a diventare una parte sempre più importante del panorama della sicurezza digitale, offrendo opportunità di efficienza nel settore finanziario e facilitando la conformità a standard essenziali come il PCI DSS. Poiché le aziende sono alle prese con l'evoluzione delle minacce del mondo digitale, diventa essenziale comprendere la tokenizzazione, le sue applicazioni, le sue distinzioni dalla crittografia e la gamma di token disponibili. Le aziende che prendono in considerazione la tokenizzazione dovrebbero soppesarne i numerosi vantaggi rispetto ai potenziali svantaggi e consultare gli esperti per elaborare una strategia adatta alle loro esigenze e ai loro obiettivi.

In definitiva, la tokenizzazione è più di una semplice parola d'ordine: è una soluzione tangibile che ha il potenziale per rimodellare il modo in cui pensiamo alla sicurezza dei dati e alla privacy in un'economia globale sempre più interconnessa. La sua implementazione strategica potrebbe diventare una pratica standard, trascendendo i settori e plasmando il futuro della gestione sicura dei dati. Che un'azienda decida di utilizzare la tokenizzazione, la crittografia o una combinazione di entrambe, è chiaro che la ricerca della sicurezza nella nostra era digitale rimane una sfida complessa e in continua evoluzione.

FAQs

Che cos'è la tokenizzazione carta su file?

La carta su file è il caso in cui un'azienda memorizza le informazioni del cliente per transazioni future. Questo può essere fatto solo con il consenso del cliente. Esistono numerose normative che regolano le transazioni card-on-file, tra cui la PCI DSS. La tokenizzazione consente alle aziende di assicurarsi che le informazioni in loro possesso siano sicure. I token non possono essere utilizzati per accedere ai dati della carta di credito nemmeno in caso di violazione. La tokenizzazione è applicabile a tutte le carte. Ciò significa che la carta del cliente è protetta indipendentemente dal fatto che si tratti di una carta di debito, di credito o prepagata.

La tokenizzazione può essere utilizzata per rendere anonimi i dati?

È possibile utilizzare la tokenizzazione per rendere anonimi i dati. Alcuni settori richiedono ai commercianti e alle aziende di conservare dati che non possono essere ricondotti ai loro proprietari. La tokenizzazione consente alle aziende di separare i dati originali dalla loro fonte. Ciò può essere utilizzato per soddisfare le esigenze normative. Tuttavia, è importante tokenizzare i dati in modo che non possano essere rintracciati.

I dati sono mascherati quando vengono tokenizzati?

Sì, la tokenizzazione maschera i dati sostituendo i valori originali con altri alternativi. I dati originali non sono accessibili a nessuno, a parte l'emittente. Con la tokenizzazione, i dati originali vengono archiviati in modo sicuro, mentre la versione tokenizzata (mascherata) viene resa disponibile per l'uso all'interno dell'organizzazione.

Il cliente deve pagare per la tokenizzazione?

Un cliente non ha alcun rapporto con la tokenizzazione. In quanto tale, non deve pagare nulla. La tokenizzazione è una misura di protezione che viene adottata dalla banca emittente. In rari casi, viene adottata dalla rete di carte, come Mastercard o Visa.

Potrebbe anche interessarti...

Alipay, cos'è e come funziona
Quali sono i metodi di pagamento cinesi più diffusi?
Auth0: panoramica tecnica e vantaggi principali